Comune di Montà

Settore Demografico Sociale

Servizi demografici ed elettorali. Servizi di Istruzione e cultura. Servizi sociali e servizi diversi alla persona. Moduli online scaricabili e compilabili in PDF editabili.

Settore demografico sociale

Informazioni Generali sul Servizio

  • Servizi demografici ed elettorali
  • Servizi di Istruzione e cultura
  • Servizi sociali e servizi diversi alla persona

RESPONSABILE Settore VISCA Elena
Tel. 0173 977423 e-mail: evisca@comune.monta.cn.it

Responsabile del Procedimento RIZZO Daniela
Tel. 0173 977417 e-mail: drizzo@comune.monta.cn.it


Autocertificazione

L’autocertificazione è una semplice dichiarazione, conosciuta anche come “dichiarazione sostitutiva di certificazione”, che sostituisce alcuni certificati senza che ci sia necessità di presentare successivamente il certificato vero e proprio.
Le dichiarazioni sostitutive hanno la stessa validità temporale dei certificati che sostituiscono. Dal 1° gennaio 2012 l’autocertificazione sostituisce a tutti gli effetti le normali certificazioni richieste o destinate ad una pubblica amministrazione nonché ai gestori di pubblici servizi e ai privati che vi consentono (art. 15 L. 12 novembre 2011, N 183). In allegato la modulistica relativa a ogni casistica.

C.I.E. Carta d’identità elettronica

Dal 04.06.2018 il Comune di Montà rilascia la Carta d’Identità Elettronica (C.I.E), alla scadenza naturale del documento d’identità cartaceo. Può essere richiesta da tutti i cittadini residente nel Comune di Montà, secondo le modalità allegate.

Nel caso di urgenze comprovabili di seguito il modulo per fare richiesta della carta d’identità cartacea.

Cambio di residenza

E’ la pratica relativa all’inserimento nell’elenco anagrafico del Comune in cui si decide di porre la propria residenza. La richiesta deve essere presentata dall’interessato o da un componente della sua famiglia purché maggiorenne (qualora si trasferisca l’intero nucleo) e deve essere effettuata mediante la presentazione di apposito modello reperibile in questa sezione web, presso lo sportello Comunale o sul sito internet del Ministero dell’Interno. Procedura per il cambio di residenza

Per il cambio di residenza sono disponibili le istruzioni attraverso l’ Allegato A , l’ Allegato B e il Modulo da compilare.
Modulo per cambio Carta di Circolazione

Cambio residenza all’estero Modulo da compilare

Bonus gas, luce, acqua

E’ una riduzione sulle bollette della luce, gas e acqua è stato introdotto dal Governo e reso operativo dall’Autorità per l’energia, con la collaborazione dei Comuni.
Il bonus vale esclusivamente per il gas metano distribuito a rete (e non per il gas in bombola o per il GPL), luce e acqua per i consumi nell’abitazione di residenza.

La procedura per ottenere il Bonus, sviluppato tramite il sistema telematico “Sgate” è attiva presso il Comune di Montà utilizzando la modulistica allegata.

Ulteriori approfondimenti e modulistica: modello A richiesta bonus luce, gas, acqua; modello richiesta rinnovo semplificato; modello B bonus luce per disagio fisico.

Cittadinanza

La cittadinanza italiana si acquista per: residenza, matrimonio, discendenza, acquisto e riacquisto. Le istanze per l’ottenimento della cittadinanza italiana a seguito di residenza o matrimonio vanno presentate alla locale Prefettura.
Per approfondimenti specifici consultare la documentazione allegata.

Cittadinanza normativa generale.

Cittadinanza 18 enni. Normativa e modulo per far richiesta.

Cittadinanza Jure sanguinis: Normativa e modulo per far richiesta.

Convivenze di fatto

La legge 20 maggio 2016, n. 76 recante “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze” è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 118 del 21-5-2016 ed è entrata in vigore il 5 giugno 2016.
Per quanto riguarda la disciplina delle convivenze di fatto: (commi 36-65 dell’Art. 1). 
“Si intendono per “conviventi di fatto” due persone maggiorenni unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da un’unione civile. Gli interessati a costituire una “convivenza di fatto” devono risiedere nello stesso appartamento ed essere iscritti anagraficamente nello stesso nucleo familiare.” Per approfondimenti specifici consultare la documentazione allegata.

Elettorale

ISCRIZIONE ALBO SCRUTATORI

Gli interessati dovranno presentare o spedire (allegando fotocopia del documento d’identità) apposita richiesta di inclusione nell’Albo unico scrutatori entro il 30 novembre di ogni anno.
L’iscrizione rimane valida fino al verificarsi di una sopravvenuta causa di impedimento all’iscrizione (ad esempio: rinuncia, emigrazione, perdita dei requisiti stabiliti dalla legge).

ISCRIZIONE PRESIDENTI DI SEGGIO

Tutti i cittadini che abbiano compiuto 18 anni e non abbiano superato i 70 anni, che siano in possesso del titolo di studio di scuola media superiore e che siano elettori del comune, possono presentare istanza di iscrizione all’albo dei Presidenti di seggio elettorale.
L’ufficio elettorale trasmette le istanze alla Corte di Appello competente, che provvederà a nominare i presidenti di seggio.
Dell’avvenuta nomina verrà data notizia agli interessati tramite notifica.
Non occorre rinnovare l’istanza d’iscrizione ogni anno: una volta iscritti, si rimane inseriti nell’albo fino a quando non si richieda di esserne cancellati.

Matrimoni

Tutti coloro che intendono contrarre matrimonio (nubendi) devono procedere alla richiesta di pubblicazioni di matrimonio. Se entrambi sono residenti nel Comune o solo uno dei due, possono decidere di richiedere la pubblicazione di matrimonio presso lo sportello di stato civile, indifferentemente in uno dei Comuni di residenza, indipendentemente da dove si celebrerà il matrimonio. Maggiori informazioni e modulistica.

MATRIMONIO CIVILE
E’ il matrimonio contratto in Comune davanti al Sindaco. Il matrimonio viene trascritto nei registri dello stato civile se ci sono tutti i requisiti richiesti dalla legge italiana per la sua validità. Ulteriori informazioni e modulistica per delega in altro comune.

MATRIMONIO RELIGIOSO
E’ il matrimonio celebrato davanti a un sacerdote cattolico. Questo matrimonio ha effetti religiosi ed effetti civili, a seguito della sua trascrizione nei registri dello stato civile italiano. Il sacerdote durante la cerimonia in chiesa, avverte gli sposi che le nozze producono anche effetti civili e dà loro lettura degli articoli 143, 144, 147 del codice civile. Dopo la cerimonia, il parroco invia un originale dell’atto di matrimonio all’ufficiale di stato civile per la trascrizione. Il matrimonio viene trascritto nei registri dello stato civile se ci sono tutti i requisiti richiesti dalla legge italiana per la sua validità. Ulteriori informazioni.

Separazione e divorzi in Comune

All’ufficio comunale di stato civile si può ottenere (Legge del 10/11/2014, n. 162):

  • la separazione personale;
  • lo scioglimento del matrimonio civile;
  • la cessazione degli effetti civili del matrimonio religioso;
  • la modifica degli accordi di separazione e divorzio già stipulati.

È possibile recarsi nel Comune di attuale residenza o nel Comune di celebrazione del matrimonio o di trascrizione dell’atto di matrimonio. Approfondimenti normativi.

Unioni civili

Due persone maggiorenni dello stesso sesso possono costituire un’unione civile. Dall’unione civile derivano diritti e doveri reciproci: è necessario contribuire ai bisogni comuni, coabitare e aiutarsi moralmente e materialmente. Per unirsi civilmente occorre presentare apposita richiesta ad un Comune a scelta.

Scuola

SCUOLABUS: per usufruire del servizio scuolabus, è necessario ogni anno compilare la preventiva prenotazione disponibile on line.

Di seguito il link per l’Istituto Comprensivo di Montà.

Il Servizio mensa per le scuole dell’infanzia e primarie del Comune di Montà è completamente appaltato e gestito dalla Ditta Dussmann Service fino all’anno scolastico 2023/2024. Per ogni informazione in merito, menù, pagamenti, comunicazione per detrazioni cliccare qui.

Ogni anno la Regione Piemonte istituisce un voucher scuola per i contribuire con i costi del trasporto e del materiale scolastico; di seguito il link per tutte le informazioni e le modalità di partecipazione.

Assegno al nucleo familiare

L’assegno al nucleo familiare è un contributo statale che viene concesso alle familiglie nelle quali vi siano almeno tre figli minorenni. Ulteriori informazioni.

Assegno di maternità

È una prestazione sociale concessa dal Comune di residenza ed erogata dall’I.N.P.S.. Possono fare richiesta le donne cittadine italiane, comunitarie residenti in Italia ed extracomunitarie residenti in Italia ed in possesso della Carta di Soggiorno ( da non confondersi con il permesso di soggiorno) non lavoratrici. Ulteriori informazioni.

Dichiarazioni di morte

La denuncia di morte è obbligatoria per legge.
In caso di decesso presso un’abitazione privata la dichiarazione di morte deve essere resa all’Ufficiale dello Stato Civile del comune ove è avvenuto il decesso entro 24 ore dall’evento.Tale dichiarazione compete a uno dei congiunti o a una persona convivente con il defunto, a un loro delegato o, in mancanza, a una persona informata del decesso, munito di scheda ISTAT e certificato necroscopico dopo le 15 ore dal decesso.
L’Ufficio provvede a formare l’atto e rilasciare il permesso di seppellimento e ad informare l’anagrafe per l’aggiornamento dei dati presenti nell’archivio o a comunicare il decesso al comune di residenza e al comune di nascita se diversi.
Nel caso in cui invece il decesso fosse avvenuto presso una struttura ospedaliera, casa di cura o altro Istituto, la dichiarazione di morte viene fatta dal Direttore dello stesso che trasmette poi d’ufficio all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune l’avviso di morte, unitamente alla scheda ISTAT.
Il decesso deve essere avvenuto nel territorio del Comune. Ulteriori informazioni.

Dichiarazioni di nascita

La denuncia di nascita è l’atto con il quale si comunica formalmente agli Uffici dello Stato Civile del Comune la nascita di un bambino.
Il figlio nato da genitori coniugati tra loro è detto “legittimo”: la denuncia di nascita può essere fatta indistintamente da uno dei genitori.
Il figlio nato da genitori non coniugati è detto “naturale”: in tal caso la denuncia è fatta da un genitore (se solo uno dei due genitori lo riconosce) o da entrambi i genitori (se tutti e due lo riconoscono).
La denuncia di nascita è resa da uno dei genitori (presentando i documenti di identità), da un procuratore speciale, ovvero dal medico o dall’ostetrica o da altra persona che ha assistito al parto, rispettando l’eventuale volontà della madre di non essere nominata.
Può essere resa entro dieci giorni dalla nascita presso il Comune nel cui territorio è avvenuto il parto o nel proprio comune di residenza oppure, entro tre giorni, presso la direzione sanitaria dell’ospedale o casa di cura ove è avvenuta la nascita. In quest’ultimo caso la dichiarazione è trasmessa all’ufficio di Stato Civile del Comune nel cui territorio è situato il centro di nascita o, su richiesta dei genitori, al loro Comune di residenza.
Nel caso in cui i genitori non risiedano nello stesso Comune, salvo diverso accordo tra loro, la dichiarazione di nascita è resa nel Comune di residenza della madre. Ulteriori informazioni.

D.A.T. – Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Sanitario

La legge sul biotestamento, pubblicata in Gazzetta Ufficiale (n. 219 del 22 dicembre 2017 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”) è in vigore dal 31 gennaio 2018. La legge stabilisce che una persona maggiorenne, capace di intendere e volere, in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte, possa “esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari“.
Si può quindi esprimere la propria volontà di accettare o rifiutare accertamenti e terapie in momenti della vita in cui non si sarà in grado di indicare consapevolmente tale opzione, secondo il principio che “nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata”. Per approfondimenti specifici